#S4P2016

Migrazioni e futuro dell’Europa

18 novembre 2016 Università Bocconi

Aderisci al movimento

X

Art for Peace Award

Un premio per chi promuove una cultura di pace.

Ogni anno Science for Peace assegna l’Art for Peace Award, un riconoscimento importante riservato agli artisti che si sono distinti nella diffusione di un messaggio di pace.
 

Quest'anno il premio verrà consegnato a Stephanie Sinclair, fotoreporter americana nota per aver realizzato lavori riguardanti la violazione dei diritti umani nel mondo, soprattutto per quanto riguarda le differenze di genere, come per esempio il fenomeno dei matrimoni precoci.

Uno di questi reportage, frutto di 6 anni di lavoro in Afghanistan, raccoglie immagini di bambine che si sono sposate in giovane età, alcune addirittura a 5 anni. Il fotoreportage è divenatato lo strumento con cui creare l'organizzazione no profit "Too Young to Wed", che ha lo scopo di amplificare le voci di queste bambine fornendo prove visibili della violenza che subiscono, sensibilizzando la comunità internazionale e supportando un cambiamento positivo che metta fine a questo crimine contro l'umanità.

http://tooyoungtowed.org/
 

Photo Credit: Marc Thiessen/ National Geographic


"Essendo io stessa maturata come fotografa di conflitti ed essendo stata testimone in prima persona degli orrori di una guerra, sento una profonda affinità con il Movimento di Science for Peace, che si schiera a favore delle risoluzioni di pace e spinge i governi a soppiantare le spese militari a favore di maggiori investimenti in ricerca e sviluppo.

La mia decisione di abbandonare la fotografia di guerra per concentrarmi esclusivamente su problemi di natura sociale nasce da un istinto molto simile. Per questo sono estremamente onorata di ricevere l'Art for Peace Award 2015.

Mettere fine ai matrimoni precoci è un passo fondamentale per promuovere una cultura di pace nel mondo. Come hanno dimostrato i frutti del mio lavoro, con investimenti mirati e un'istruzione adeguata, le comunità mettono effettivamente fine a questa pratica barbara. Con maggiore attenzione e supporto possiamo mettere fine a questo fenomeno entro una sola generazione.

è un privilegio essere accostata ai precedenti vincitori dell'Art for Peace Award e non vedo l'ora di poter raccontare il progetto Too Young To Wed agli illustri partecipanti della Conferenza Mondiale presso la prestigiosa Università Bocconi il prossimo novembre."

Le edizioni precedenti

  • 2014

    all'artista dei graffiti yemenita Murad Subay
    per aver dato vita all'arte dei graffiti con messaggi di pace nel suo paese all'indomani della Primavera Araba.

     
  • 2013

    alla cantante Fatoumata Diawara, in arte Fatou
    Per il forte impegno che la sua musica rivela a favore dei diritti delle donne del suo paese, il Mali.

     
  • 2012

    allo scrittore e saggista israeliano David Grosmann
    per la sua continua testimonianza a favore del dialogo e di dissenso nei confronti dell’uso della violenza.

     
  • 2011

    al fotoreporter Joao Silva
    perchè i suoi scatti hanno sempre denunciato la necessità di un cambiamento e la volontà di raggiungerlo

     
  • 2010

    al regista Xavier Beauvois
    per il suo mirabile film “Uomini di Dio” tratto dalla storia vera dei monaci di Tibhirine, emblema di tolleranza e umana fraternità, uccisi da terroristi della Gia.

     
  • 2009

    al Maestro Daniel Barenboim
    per aver creato la West-Eastern Diva Orchestra che riunisce musicisti palestinesi e israeliani.


Condividi su

News

04 settembre 2015

In uscita il CD "Women Profile for Africa"

Esce oggi il CD Women Profile for Africa a sostegno dell’omonimo progetto di Fondazione Umberto Veronesi e Cesvi per la prevenzione e la diagnosi del tumore al collo dell’utero per le donne africane nella Repubblica Democratica del Congo.

06 maggio 2015

Women Profile for Africa al Festival della Cultura di Bergamo

Sabato 23 maggio alle ore 11.00 nell'ambito del Festival della Cultura di Bergamo l'incontro per parlare del progetto di prevenzione del tumore alla cervice in Repubblica Democratica del Congo

14 gennaio 2015

Non siamo superiori all'Islam. Contro il terrorismo serve il dialogo

Per frenare il terrorismo islamico c’è solo una possibilità: il dialogo.