#S4P2018

DISUGUAGLIANZE GLOBALI

15-16 NOVEMBRE 2018 UNIVERSITÀ BOCCONI

X

Conferenza mondiale Science for Peace 2018: “Ridurre le disuguaglianze”

25 luglio 2018

Alberto Martinelli

La società contemporanea considera le disuguaglianze intollerabili come mai prima d’ora. Se in passato giustificazioni religiose, storiche o identitarie e la rigida divisione in ceti potevano contribuire ad alleviare il risentimento dei gruppi sociali più disagiati, con la profonda trasformazione dei rapporti sociali e politici nella rivoluzione industriale e politica della modernità e con il mutamento radicale dei concetti di giustizia, libertà e uguaglianza dell’Illuminismo si sono sviluppate forti istanze di eguaglianza di diritti e di opportunità. Nelle tumultuose e complesse vicende degli ultimi due secoli l’obiettivo di ridurre drasticamente le diverse forme di disuguaglianza ha occupato un posto centrale nell’agenda politica dei movimenti collettivi e dei governi.
 
Delle cause delle disuguaglianze, delle loro diverse manifestazioni, del loro intreccio e del come contrastarle intende parlare la decima edizione della Conferenza Mondiale di Science for PeaceRidurre le disuguaglianze, contrastare le loro espressioni più odiose è necessario se si vuole valorizzare il contributo che ogni cittadino può dare allo sviluppo e socioeconomico, politico e culturale della società in cui vive. Disuguaglianze di reddito e di accesso alla salute, all’istruzione, ai servizi sociali, al consumo responsabile non solo riducono le potenzialità di crescita economica, ma minano il consenso sociale negando gli eguali diritti di cittadinanza.
 
Ridurre le disuguaglianze non significa soltanto, e nemmeno principalmente, ridurre il divario tra ricchi e poveri, ma significa combattere tutte le forme di discriminazione, garantire le pari opportunità per donne e uomini, significa permettere alle future generazioni di godere in egual misura delle opportunità a noi oggi disponibili, in sintesi realizzare gli Obiettivi di sviluppo equo e sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.
 
Come raggiungere questi obiettivi? Quali modelli sono stati adottati nel corso della storia e nei diversi paesi per porre un limite alle disuguaglianze? Quali soluzioni si sono rivelate maggiormente efficaci? A queste domande si cercherà di rispondere nei due giorni della decima Conferenza Mondiale di Science for Peace che affronterà le principali cause e i principali effetti delle disuguaglianze, con un particolare focalizzazione sul tema del rapporto tra disuguaglianze e salute.
 

Condividi su

Ultimi post

«Il diritto alla scienza è un bisogno primario per la società»

02 ottobre 2018

Umberto Veronesi riteneva cruciale per lo sviluppo di una società laica e democratica promuovere il progresso scientifico, sostenendo sia la ricerca sia la divulgazione. Avanzamento del sapere e alfabetizzazione scientifica dei cittadini erano infatti da lui considerate mete da perseguire insieme, al fine di sviluppare una società democratica basata su giustizia ed equità. In una lungimirante visione, il Professore era..

Con il nostro impegno diamo una speranza a chi ne ha più bisogno

19 settembre 2018

Alla fine dell’estate 1999, la Società scientifica italiana di Anatomia Patologica promosse un appello per la partecipazione a un progetto di cooperazione internazionale. Si trattava di collaborare con la Associazione Vittorio Tison per la realizzazione di un laboratorio di anatomia patologica all’ospedale Bugando di Mwanza (Tanzania), provvedendo alla formazione del personale locale. Così ci radunammo in un gruppo di patologi per cominciare a organizzare il progetto e le relative missioni, che iniziarono nei primi mesi del 2000. Eravamo 10-15 colleghi, abbastanza disorganizzati, ma di buona volontà e con un po’ di spirito di avventura. A mano a mano che il progetto è andato avanti, è cresciuta la consapevolezza che, anche nei contesti a basse risorse, la diagnosi e la prevenzione siano elementi fondamentali per la salute.

Quanto pesano le differenze di genere sulla salute?

11 settembre 2018

Negli ultimi 40 anni la medicina è stata riscritta, tante sono le ricerche e i risultati che hanno portato a conoscenze davvero importanti tanto da poter oggi individuare,  diagnosticare e curare malattie che, quando io mi sono laureata, o non si conoscevano o se ne conoscevano solo alcune caratteristiche e la terapia era davvero molto arretrata. Abbiamo in questi decenni messo a fuoco metodi di diagnosi, conoscenze fisiopatologiche e modalità di cure impensabili e che ci sorprendono ogni giorno. Abbiamo però trascurato un fatto importante..