#S4P2017

POST-VERITA'

17 NOVEMBRE 2017 UNIVERSITÀ BOCCONI MILANO

Rimani
informato

X

March for Science, un’iniziativa globale per difendere la scienza

20 aprile 2017

La Marcia per la scienza (March for Science) è il primo passo di un movimento globale per difendere la scienza e sottolineare come la ricerca scientifica sia cruciale per creare un futuro in cui siano garantite sicurezza, salute e prosperità. Fondato negli Stati Uniti, il movimento March for Science ha in breve tempo raccolto adesioni fra scienziati e sostenitori in tutto il mondo. L’evento principale si terrà il 22 aprile a Washington DC, negli Stati Uniti, ma centinaia di marce satellite saranno organizzate in numerosi paesi, Italia inclusa.
 
Quali sono i principi ispiratori di questo movimento e quali gli obiettivi che si prefigge? Sul sito dedicato all’evento si spiega come la Marcia per la scienza voglia essere innanzitutto una celebrazione della scienza e un invito a rispettare e incoraggiare la ricerca scientifica. Gli organizzatori, tuttavia, non nascondono il valore “politico” dell’evento, che è stato sicuramente influenzato dall’agenda anti-scientifica promossa dall’amministrazione Trump. Di fronte all’adozione di politiche che ignorano apertamente le evidenze scientifiche e che propongono di ridimensionare la ricerca scientifica in ambiti cruciali quali il cambiamento climatico e le politiche energetiche, gli organizzatori della marcia sostengono sia arrivato il momento per gli scienziati di scendere in campo in prima persona.
 
Il medesimo concetto è ribadito in un intervento pubblicato sul blog del sito March for Science da Jonathan Foley, Direttore della California Academy of Sciences, e Christine Arena, scrittrice ed esperta di comunicazione. Gli autori paragonano i provvedimenti recentemente adottati dall’amministrazione Trump in ambito ambientale ad una vera e propria dichiarazione di guerra nei confronti del sapere scientifico e ammoniscono che, lungi dall’essere una questione ristretta agli addetti ai lavori, la guerra contro la Scienza inevitabilmente coinvolgerà tutti noi, scienziati e non. Se tradizionalmente gli scienziati si sono tenuti lontani dalla mischia politica, oggi questa posizione non è più sostenibile. “Dopotutto – si legge nel post –  la politica esiste per risolvere i problemi all’interno di una società democratica, e la scienza è cruciale praticamente per tutto ciò che facciamo  - economia, salute, sicurezza, il nostro futuro. Non è possibile isolare la scienza dalla politica, così come la politica dalla scienza. Provare a farlo è una follia”.
 
La Marcia per la scienza è solamente un piccolo passo per riportare la scienza al centro del dibattito pubblico. Secondo i promotori di March for Science, ciò non potrà che avvenire attraverso un processo “dal basso”: gli scienziati devono far uscire la scienza dai laboratori e dalle riviste accademiche, sperimentando nuove modalità di raccontare la scienza al pubblico e mostrando concretamente come le sue conquiste abbiano influito positivamente sulla vita degli esseri umani e reso il mondo un posto migliore in cui vivere.  

Condividi su

Ultimi post

Populismo e immigrazione: alcune riflessioni sul caso Brexit

14 agosto 2017

Non passa giorno nel contesto politico odierno in cui non venga menzionata la parola “populismo”. In un clima saturo di visioni e interpretazioni ...

Alberto Martinelli: post-verità e populismo indeboliscono la democrazia. Gli scienziati devono far sentire con più forza la loro voce nel dibattito pubblico

11 agosto 2017

Prof. Martinelli, gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un accesso dibattito sul fenomeno del populismo, che ha riguardato anche l’appropriat...

Carlo Alberto Redi: ecco come possiamo difenderci dalle “verità alternative” sul web

08 agosto 2017

I rischi della disinformazione sulle questioni scientifiche, in particolare quelle legate alla salute, sono stati al centro del dibattito negli ult...