#S4P2018

DISUGUAGLIANZE GLOBALI

15-16 NOVEMBRE 2018 UNIVERSITÀ BOCCONI

X

Si specializzano a Perugia 4 dottoresse afgane per il nostro ambulatorio per le donne a Herat

13 febbraio 2018

Giulia Sacchi

Il 13 gennaio sono arrivate a Perugia da Herat 4 dottoresse afgane, Saida Said, Farzana Rasouli, Fareshta Fitzli e Fatema Farishti per seguire due tirocini in screening mammografico e in citologia: lo scopo è migliorare le attività dell’ambulatorio per la diagnosi del tumore al seno avviato dalla Fondazione Umberto Veronesi nel 2013 in collaborazione con la Rezai Foundation e portato successivamente avanti grazie al prezioso supporto della Cooperazione italiana in Afghanistan.
 
A Perugia abbiamo avuto la generosa disponibilità per i tirocini dell’ospedale Santa Maria della Misericordia e del Presidente di Apof (Associazione Patologi Oltre Frontiera), Paolo Giovenali, direttore del reparto di Anatomia patologica.
 
Lo scorso anno, il nostro centro a Herat, dotato di ecografo e mammografo, dove lavorano 3 persone (il medico responsabile Farzana Rasouli e due tecnici di radiologia che abbiamo “formato” in India) è stato visitato da oltre 1.000 donne e 1 caso su 4 è risultato sospetto, quindi bisognoso di ulteriori accertamenti come l’ago aspirato.
 
Il training in screening mammografico è stato seguito dalla dottoressa Saida Said (direttore del Maternity Hospital di Herat) e dalla collega (ambedue sono ginecologhe) Farzana Rasouli.
 
Il training in citologia, seguito dalla ginecologa Fareshta Fitzli e dalla biologa Fatema Farishti, durerà 3 mesi, fino al 7 aprile. Gli obiettivi sono di imparare a fare l’ago aspirato, ad allestire vetrini di citologia e a riconoscere i casi sospetti da sottoporre a “second opinion”. Per questo motivo la Fondazione Veronesi si impegna a trovare per l’ambulatorio di Herat i fondi per l’acquisto di un microscopio dotato di telecamera che permetterebbe di eseguire i controlli dei vetrini a distanza dal dottor Paolo Giovenali dell’Apof.

Condividi su

Ultimi post

Disuguaglianze e salute: qual è il ruolo della scienza?

27 luglio 2018

Come possiamo garantire che ogni essere vivente di questa terra abbia una buona qualità di vita, sana e attiva ed in caso di malattia possa avere accesso alle cure senza discriminazione economica, sociale e di genere?
Non stiamo parlando solo dei paesi in via di sviluppo ma anche dei paesi così detti occidentali dove la povertà miete vittime perché le cure non sono accessibili.
 

Conferenza mondiale Science for Peace 2018: “Ridurre le disuguaglianze”

25 luglio 2018

Ridurre le disuguaglianze non significa soltanto, e nemmeno principalmente, ridurre il divario tra ricchi e poveri, ma significa combattere tutte le forme di discriminazione, garantire le pari opportunità per donne e uomini, significa permettere alle future generazioni di godere in egual misura delle opportunità a noi oggi disponibili.
 

Si specializzano a Perugia 4 dottoresse afgane per il nostro ambulatorio per le donne a Herat

13 febbraio 2018

Un centro attivo dal 2013 con ecografo e mammografo. In un anno visitate mille donne. Le responsabili in Italia per approfondire le tecniche di indagine.