#S4P2018

DISUGUAGLIANZE GLOBALI

15-16 NOVEMBRE 2018 UNIVERSITÀ BOCCONI

X

Si specializzano a Perugia 4 dottoresse afgane per il nostro ambulatorio per le donne a Herat

13 febbraio 2018

Giulia Sacchi

Il 13 gennaio sono arrivate a Perugia da Herat 4 dottoresse afgane, Saida Said, Farzana Rasouli, Fareshta Fitzli e Fatema Farishti per seguire due tirocini in screening mammografico e in citologia: lo scopo è migliorare le attività dell’ambulatorio per la diagnosi del tumore al seno avviato dalla Fondazione Umberto Veronesi nel 2013 in collaborazione con la Rezai Foundation e portato successivamente avanti grazie al prezioso supporto della Cooperazione italiana in Afghanistan.
 
A Perugia abbiamo avuto la generosa disponibilità per i tirocini dell’ospedale Santa Maria della Misericordia e del Presidente di Apof (Associazione Patologi Oltre Frontiera), Paolo Giovenali, direttore del reparto di Anatomia patologica.
 
Lo scorso anno, il nostro centro a Herat, dotato di ecografo e mammografo, dove lavorano 3 persone (il medico responsabile Farzana Rasouli e due tecnici di radiologia che abbiamo “formato” in India) è stato visitato da oltre 1.000 donne e 1 caso su 4 è risultato sospetto, quindi bisognoso di ulteriori accertamenti come l’ago aspirato.
 
Il training in screening mammografico è stato seguito dalla dottoressa Saida Said (direttore del Maternity Hospital di Herat) e dalla collega (ambedue sono ginecologhe) Farzana Rasouli.
 
Il training in citologia, seguito dalla ginecologa Fareshta Fitzli e dalla biologa Fatema Farishti, durerà 3 mesi, fino al 7 aprile. Gli obiettivi sono di imparare a fare l’ago aspirato, ad allestire vetrini di citologia e a riconoscere i casi sospetti da sottoporre a “second opinion”. Per questo motivo la Fondazione Veronesi si impegna a trovare per l’ambulatorio di Herat i fondi per l’acquisto di un microscopio dotato di telecamera che permetterebbe di eseguire i controlli dei vetrini a distanza dal dottor Paolo Giovenali dell’Apof.

Condividi su

Ultimi post

Il saggio breve di una studentessa di Science for Peace

06 dicembre 2018

LA SCIENZA COME MEZZO PER COLMARE LE DISUGUAGLIANZE SOCIALI di Valeria Sgobbi del Liceo Classico Cesare Beccaria di Milano
 
Aggirandosi per il mondo occidentale capita spesso di restare folgorati dalla bellezza della frenesia cittadina, dalle vetrine curate e dalle luci avvolgenti. Eppure spesso, camminando poco più in là, sotto un portico, si assiste alla miseria di persone che non hanno nemmeno il pane quotidiano. Sorge immediatamente una sensazione di smarrimento di fronte, da un lato, al benessere che ci circonda, dall’altro, all’evidente povertà in forte contrasto con la sontuosa architettura del centro città. Forse quindi la disuguaglianza sociale, fenomeno che nella mentalità comune acquisisce i connotati delle lotte operaie della contestazione comunista, non è scomparsa dalla realtà sociale, ma solo sepolta sotto false apparenze e debiti in banca.

Le produzioni degli studenti che più hanno colpito il comitato organizzatore della decima edizione di Science for Peace

06 dicembre 2018

Il 15 e 16 novembre si è svolta la decima edizione della Conferenza Mondiale Science for Peace organizzata da Fondazione Umberto Veronesi. 1.040 studenti provenienti da 26 scuole di Lombardia, Emilia Romagna e Veneto hanno partecipato alla Conferenza. Tra queste, 18 hanno aderito alla sfida proposta da Fondazione di produrre, in preparazione all'evento, del materiale - sotto forma di tweet, post Facebook, video e saggio breve - che esprimesse il pensiero dei ragazzi circa le Disuguaglianze Globali.
Abbiamo  ricevuto 95 contributi. Ecco i nomi dei vincitori divisi per categoria:

Video Herat edizione 2018

22 novembre 2018


Guarda ora il video!